Pancia piatta: provate con gli esercizi plank per i principianti!

Plank

Una nuova sfida fitness arriva direttamente dai social… Si tratta della
30 days challenge plank!

E dopo la sfida degli squat arriva quella del plank. La sua promessa? Vi assicura che dopo i trenta giorni avrete, come risultato finale, una pancia piatta e tonica. Volete finalmente eliminare le tanto odiose maniglie dell’amore e i chili di troppo, acquisiti durante le festività? Gli esercizi di questo tipo non solo vi aiuteranno in questa “epica” impresa, ma vi permetteranno di rimodellare il vostro intero corpo. Infatti si andranno ad esercitare i glutei, i muscoli della schiena, le gambe, le braccia, il trasverso, sia gli obliqui interni che quelli esterni, le spalle e infine i pettorali.

Come si realizza un plank correttamente per avere una pancia piatta in trenta giorni.

La parola Plank in inglese vuol dire letteralmente tavola. Per poter realizzare in forma corretta è necessario mettersi in ginocchio con i gomiti a terra, portare indietro le gambe tese e appoggiare i piedi sugli alluci. A questo punto è necessario solleva il bacino, mantenendo la schiena dritta e parallela al pavimento. Una volta che sarete in questa posizione, dovrete portare la pancia indentro il più possibile e contrarre contemporaneamente i glutei.

La sfida dei trenta giorni di plank

La challenge, che sui social spopola con il hashtag #plankchallenge, è quella di eseguire ogni giorno (per 30 giorni consecutivi rispettando il giorno di riposo) l’esercizio plank. Bisognerà rispettare i tempi di una tabella, in modo tale che alla fine del mese, arriveremo a rimanere in quella posizione per 300 secondi (i fatidici cinque minuti). E una volta superata la sfida? Per un buon mantenimento, vi basterà farlo a giorni alterni e variare l’esercizio con nuove posizioni.

Pancia piatta con la plank Challenge
Photo Credits: 94.5country

Che ne pensate? Fate questa sfida con me? Io l’ho iniziata una settimana fa e inizio a vedere i risultati.

Post non sponsorizzato.

Pixabay credits