Satriano di Lucania: scopriamo il borgo più dipinto d’Italia

Satriano di Lucania: scopriamo il borgo più dipinto d’Italia

Un luogo dove ho lasciato un pezzetto del mio cuore è stato senz’altro Satriano di Lucania. Lo so, quando parla della Basilicata, mi illumino d’immenso. Ma questa regione è nel mio cuore da anni e ogni volta che ci torno, me ne innamora di più. Pensate che questo meraviglioso Borgo, che si trova nel centro della cittadina in provincia di Potenza è divenuto nel 1988 la capitale dei murales. Conta con circa 2.400 abitanti e sono presenti ben centocinquanta dipinti murali, che sono in aumento ogni anno. Proprio per la sua ricchezza artistica il comune fa parte dei Borghi autentici d’Italia, mentre per la gestione ecosostenibile del territorio fa parte dell’Associazione dei Comuni Virtuosi. In poche parole siamo di fronte ad un altro vero gioiellino della Basilicata. Oltre ad essere il paese dei Murales e anche la terra che diede i natali al pittore Giovanni De Gregorio, noto anche come “Il Pietrafesa”. E’ senz’altro uno dei massimi esponenti della cultura pittorica lucana tra il tardo manierismo e il barocco.

Satriano di Lucania: scopriamo il borgo più dipinto d’Italia

Appena si arriva, si rimane estasiati da questi veri e propri affreschi, che sono stati realizzati da pittori professionisti. E’ bello vedere come la loro arte ha impreziosiscono le case e i palazzi di Satriano di Lucania (situata nell’area del Melandro). Si ha la sensazione di essere all’interno di una pinacoteca, ma a cielo aperto. E’ molto interessante osservare i soggetti e gli oggetti ritratti nei murales di Satriano, perché sembrano quasi parte della realtà. La precisione e la definizione di ogni immagine sono rifiniti dai pennelli degli artisti. Perché visitarlo? A parte la serenità che trasmette questo splendido borgo, vale la pena vedere le opere d’arte di straordinaria bellezza, che raccontano a chi lo visita la quotidianità e le credenze popolari, particolari della vita del pittore “il Pietrafesa”.

Il borgo ha dato i natali al Pietrafesa (1579 – 1656), le cui opere sono disseminate nelle chiese di gran parte della regione Basilicata.

Post non sponsorizzato – Si ringrazia APT di Basilicata per questo invito