Nuova Fragranza Missoni per le donne che amano essere sensuali

Per chi ama le fragranze come me, sa che non può mai mancare sotto l’albero il profumo più fashion della stagione.

Tra tutti quelli che ho provato quest’anno (e ne ho provati tanti visto che faccio parte anche della giuria dell’Accademia del Profumo), la nuova fragranza Missoni Eau de Toilette mi ha affascinato.

Se dovessi definire questo profumo in tre parole, direi senz’altro: fresco, solare ed iper femminile. Appena spruzzate la nuova fragranza Missoni Eau de Toilette sulla pelle, si sente il cuore fiorito che vi dà l’idea di forte luminosità. Elemento distintivo che trovate anche nella bellissima boccetta in cui ci viene proposto. Infatti i colori scelti sono il rosa e l’arancio, che vengono mixati in modo seducente per creare l’effetto affascinante dell’aurora. Ma ciò che mi conquista sono le sue note di testa dolcemente fruttate e le note di fondo (facilmente percepibili) legnose come piace a me. Un connubio di note che non solo incantano, ma stuzzicano la nostra immaginazione.

La nuova fragranza Missoni Eau de Toilette rende omaggio alla donna sensuale ed esuberante che vuole comunque essere femminile.

Quando sentite una fragranza (con tutti i sensi come ho imparato all’Accademia del profumo, vi ricordate “straordinario sentire“) per la prima volta, di sicuro emergono ricordi ed emozioni che sono uniche per ognuno di noi. Di sicuro le sensazioni arricchiscono la nostra opinione su un profumo e ci portano a capire a chi è dedicato. La nuova fragranza Missoni Eau de Toilette è ispirata

alla donna sensuale, esuberante e dalla femminilità decisa… Alla donna curiosa che è protagonista del proprio presente… Alla donna che vive al di fuori delle convenzioni e di schemi precostituiti… In poche parole alla donna che è capace di essere sicura di sé.

I colori scelti raccontano la storia incantata da fiori freschi rosa e arancioni. Nuance che si fondono insieme per creare un “fluido intreccio” e portare alla mente le tonalità seducenti delle prime ore dell’alba.